Il sito dell'Istituto Nautico San Giorgio utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies Law

In ricordo del Preside Aldo Marletta

Il 21 dicembre 2017 è venuto a mancare il Professor Aldo Marletta, che fu Preside del nostro Istituto dall’ottobre 1974 fino all’agosto del 1997.

Ha trascorso ben quarantadue anni al Nautico San Giorgio, dapprima come docente di Matematica e Fisica, poi di Elettrotecnica e successivamente come Capo di Istituto, per venticinque anni.

Nato a Genova nel 1927, ha dedicato tutta la sua vita alla scuola e l’Istituto Nautico è stato al centro del suo costante impegno, rivolto alla promozione della cultura marinara, a tutti i livelli e alla divulgazione presso i giovani degli autentici valori dei quali sono portatrici le attività e le professioni legate al mare.

Profondo conoscitore del mondo marittimo e di quello della scuola, di entrambi sapeva analizzare le problematiche, riuscendo a cogliere, con rara saggezza e capacità di sintesi, i segnali delle trasformazioni che stavano avvenendo e a proporre modelli innovativi in grado di adeguare l’istruzione nautica alle nuove realtà del settore.

Fu così negli anni ’80, allorché il San Giorgio dovette affrontare la fase più difficile della sua storia recente, rischiando di essere accorpato ad un altro istituto tecnico, con serio pericolo per la sua sopravvivenza, a causa del sensibile calo del numero di iscritti, conseguente alle penalizzanti scelte dell’armamento di quegli anni.

Aldo Marletta seppe difendere efficacemente, con ostinazione il suo Nautico e collaborò fattivamente alla revisione dei programmi didattici, attraverso la partecipazione alle commissioni ministeriali per i progetti assistiti : Orione e Nautilus, nelle quali propose l’introduzione di nuove aree disciplinari afferenti all’ambito dello shipping, con lo scopo di offrire ai nostri diplomati spazi più ampi di inserimento lavorativo, in aggiunta alle tradizionali opzioni di carriera dell’ufficiale di coperta e di macchina.

Egli riuscì ad evitare l’accorpamento e a rilanciare la Scuola verso una ripresa che sarebbe stata consolidata negli anni successivi. Se oggi il “Nautico San Giorgio” è un grande e importante Istituto, punto di riferimento degli istituti nautici italiani, con oltre milleseicento studenti e un ruolo primario nella formazione dei giovani, lo si deve in particolar modo all’azione del Preside Marletta e al suo attaccamento alla causa di questa realtà scolastica.

Uomo affascinato dalle innovazioni tecnologiche delle quali seguiva l’evoluzione con la curiosità e l’entusiasmo di un ragazzo, Marletta durante i suoi anni di presidenza favorì l’acquisizione di nuova strumentazione per i laboratori e incentivò l’inserimento dell’informatica nelle discipline scientifiche e tecniche, perché colse l’importanza della svolta che stava allora avvenendo grazie all’avvento del computer.

Ma, al di là dei numerosi meriti professionali, Aldo Marletta ha lasciato un segno per la sua grande sensibilità e le doti umane che lo caratterizzavano, tali da renderlo capace di trasmettere alle persone che incontrava, un senso di vicinanza e un’immediata empatia.

I docenti, il personale dell’Istituto e in modo particolare gli allievi con i quali amava essere sempre in contatto, sapevano di poter trovare in lui una persona affidabile, di sicuro riferimento e se il caso lo richiedeva, capace di una parola di conforto e di incoraggiamento, che non veniva pronunciata dal Superiore o dal Preside, ma da un padre e da un amico sincero.

Questo è stato Aldo Marletta per tutti, un valido Preside e un grande uomo.

Noi oggi vogliamo ricordarlo con un’immagine emblematica e ricca di nostalgia, che lo ritrae sul portone della storica sede del Nautico, in piazza Palermo, pronto ad accogliere ad inizio mattinata, i suoi allievi, con l’affabile sorriso di sempre e una battuta bonaria per ciascuno di loro.

Grazie Preside Marletta! per quello che ci ha insegnato e per l’esempio di umanità che ha dato a tutta la grande famiglia del nostro grande Nautico San Giorgio